la quattordicenne

« Older   Newer »
 
.
  1. Aragorn
     
    .

    User deleted



    Mi presento :sono un ormai alla soglia dei 60 anni e voglio raccontarvi un fatto accaduto circa 26 anni fa. Ero artigiano ,per cui le mie giornate non finivano mai,una sera verso le ore 19 vedo entrare nel mio laboratorio mio fratello ( sorpreso perche non lo frequentavo da parecchi anni)mi chiede se posso andare a casa sua per una piccola riparazione ,in quanto lui non aveva l attrezzaura necessaria OK dico .lui separato dalla moglie e con un figlio si era accompagnato ad una donna (che io conoscevo di vista :da giovane era un po piccolina ma una notevole figa)con 5 figli dal 1 marito. vado finita la riparazione insiste perche stessi a cenare accetto .faccio conoscenza dei ragazzi(3 femmine 2 maschi)finito di cenare dico :esco a prendere un po d aria( era caldo eravamo d estate) esco seguito dalla ragazzina di 14 anni piu suo fratello di 9 eravamo alla periferia estrema di un gruppo di case poi la campagna ci avviamo lungo uno sterrato che costeggiava una vigna e alcuni campi.Scherzavo con i ragazzi e si parlavo del piu e del meno ad un certo punto C... (la ragazzina )mi si avvicina e mi mette un braccio attorno alla vita ,ho freddo dice al che io che sono un po piu alto le metto il bracio attorno al collo per comodita .Mentre si camminava la mia mano a ciondoloni urtava lievemente il suo seno piccolino ma sodo sento l indurirsi dei suoi capezzoli ,la cosa comincia ad eccitarmi fermo la mano a mo di coppa su quella tettina cosi invitante lei fa per togliermela ma senza troppa convinzione anzi si stringe ancora di piu a me evidentemente le piaceva quel contatto poi alzo la mano per antrare sotto la camicetta semi sbottonata fa un altro debole tentativo per fermarmi poi lascia fare (che magnifica senzazione sentire quella tetta a contatto diretto della mi amano )il mio cazzo e gia semiduro resto cosi per tutto il tragitto di ritorno il fratello non poteva vedere dato il buio . Arriviamo vicino alla casa ci ricomponiamo ,c e un prato mi sdraio e cosi fanno loro uno da una parte lei dall alta la faccio arrabbiare un po non ricordo il motivo si siede e mi fa te la faccio pagare io scoppio a ridere per tutta risposta si gira e mi sale a cavalcioni e mi prende le braccia (che io tenevo incrociate a mo di cuscino sotto la testa)per impedirmi di muovermi io cerco (faccio finta )di liberarmi lei per tenermi fermo si abbassa con tutto il corpo avevo le sue tettine sul mio viso (che profumo di buono)il mio cazzo si sta addrizzando ero a Adv petto nudo sentivo il contatto delle sue cosce sulla mia pancia ormai il mio cazzo non stava piu nei pantaloni.Nel divincolarmi faccio in modo che lei scivoli all ingiu comincio a sentire che la punta del mio cazzo e ormai a contatto del suo culino temo una reazione mi fermo lei invece scende ancora ora sento (o almeno mi pare)la sua fighina sul cazzo lei ora rotea un po il bacino forse per sentirlo meglio poi un gemito. dopo un po ci dobbiamo staccare la madre li sta chiamando.un po di tempo dopo una sera ero andato a far visita a mio fratello(capirete il perche) trovo C.. che sta piangendo che hai?chiedo ho mal di denti risponde al che io gli propongo di farsi vedere da un dentista mio amico che ha il gabinetto dentistico vicino al mio laboratorio OK dice sua madre .l indomani vado dal mio amico e gli faccio presente la cosa mi propone di fare venire C.. la sera stessa per vedere cos era quel dolore; telefono e mi danno l OK alle ore 19 vedo entrare nel mio laboratorio C.. da sola chiedo come va? ora non mi fa piu male di rimando mi fa lei,e i tuoi chiedo mi rsponde che non potevano venire per non so quale problema poi mi riaccompagni tu acasa vero? va bene tanto abito vicino.Il dentista constata che he una piccola carie e decide di curarla subito prepara il necessario per l iniezione lei mi fa tienimi stretta le mani che ho paura sciocchina dico non e niente e lo conferma anche il mio amico comunque gliele prendo e le tengo strette.finito la cura e richiusao il dente con il provvisorio in attesa del definitivo usciamo dopo aver preso appuntamento per la settimana dopo sempre alla stesa ora .Saliamo sul mio mezzo (e un pulmino 9 posti a cui avevo tolto una fila di sedili per caricare)ci avviamo subito mi dice non ho voglia di andare a casa che vuoi dire ?chiedo mi guarda senza rispondere indovino faccio una stradina che costeggia il fiume reno e mi fermo in un luogo un po appartato salto sul sedile a fianco il lato guida era un 3 posti lei mi fa un po di posto ma mica tanto eravamo strettini volutamentele passo il braccio attorno al collo si volta verso di me io avvicino la mia bocca alla sua non so cosa fare mi dice con un filo di voce appoggio le labbra sulle sue e con la lingua cerco di entrare la sento tremare apre la bocca e le infilo tutta la lingua che posso contaccambia le infilo una mano sotto il maglioncino le accarezzo le magnifiche tettine io avevo il cazzo che pareva scoppiare dentro i pantaloni ero eccitato da impazzire dico andiamo dietro che stiamo piu comodi OK sul panno dietro l abbraccio la bacio le alzo il maglioncino le succhio le tettine meravigliose ne frattempo avevo liberato il cazzo dalla prigione dei pantaloni mentre le succhio le tette mi sussurra che le piace damorire nel frattempo le avevo tirato su la gonnellina e l accarezzavo sopra i minuscoli slip poi salgo con la mano sulla pancina e ridiscendo stavolta portandomi dietro gli slip fino alle ginocchia poi rsalgo lentamente ansima mi fermo sulla sua morbida peluria con un dito comincio a masturbarla mi sporgo le faccio sentire il cazzo duro sulla pancia mentre continuo a masturbarla geme poi il tremito dell orgasmo anchio vengo sulla sua pancina imbrattandola un po mi scuso lei mi dice di che cosa ti devi scusare ? per averti sporcato rispondo per tutta risposta con un dito ne prende un po e mi chiede se la voglio assaggiare rifiuto lo lecca lei e buona dice e ne prende un altro po la pulisco io con un fazzoletto ma solo la mia sborra sai che mi e rimasta la voglia? non l ho mai fatto mi fai provare tu?il cazzo mi ritorna subito duro le lecco la fighina vergine dammelo che non resisto piu pero fai piano e se sento troppo male ti fermi? si! rispondo le vado sopra le punto il cazzo durissimo sulla fighina da sfondare ho paura e troppo grosso dice prometto di smettere subito se lei non vuole comincio spingere allarga le gambe ancora sento il caldo della sua fighetta do un piccolo colpo mi ferma fa toppo male dice smetto sono deluso se ne accorge e con un filo divoce dice perche non provi a mettermelo dietro?non ci posso credere il culo e la mia passione ma non osavo chiederglielo si gira a carponni faccio le acrobazie per leccala anche per prepararla poi quando giudico che sia pronta le punto il cazzo contro il forellino e spingo fa un po fatica a passare do dei leggeri colpetti finche sento la punta del mio cazzo che oltrepassa l anello elastico del suo stupendo culino ahi geme mi fermo per farla abituare al mio non indifferente cazzo lei subito allunga le mani all indietro mi prende le chiappe e tira verso di se entro con una buona meta del cazzo in quel culetto stretto torno indietro un po comincio l andarivieni entrando sempre un po di piu ansima dice che le piace da impazzire che lo vuole tutto dentro cosa che io faccio diligentemente allungo una mano sulla sua verginita era bagnata fradicia la mastubo mentre la inculo di brutto che bello siiii sta per arrivare all orgasmo ma anch io non ero molto lontano spinge il culetto contro di me per far entrare piu cazzo possibile ohhhh mi fai morire e bellissimoooooo si dimena venendomi contro non resisto piu le sborro dentro mentre gode anche lei resto dentro finche non mi si ammoscia (ci mette un po)ci riconponiamo e riparto mi confida che e stata la la sua prima volta e che le he piaciuto tantissimo ma che non sara l ultima (come difatti avvenne.) che mi ama da morire.la settimana dopo ...
     
    .
0 replies since 6/4/2009, 19:26
 
.
Top